Al Campionato Mondiale per l'Efficienza Energetica l'Italia mantiene il 2° posto

01.09.2016

La terza edizione dell'International Energy Efficiency Scorecard, stilata dalla ONG statunitense ACEEE, rileva che il nostro Paese mantiene una posizione di assoluto rilievo nel contesto globale, anche se il settore degli sforzi nazionali per l'efficienza energetica è quello in cui sarebbe auspicabile un maggior impegno istituzionale. Soddisfazione per la conferma del risultato è stata espressa dal MiSE.mondo

L’American Council for an Energy-Efficient Economy (ACEEE), ONG statunitense che funge da catalizzatore per promuovere politiche, programmi, tecnologie, investimenti e comportamenti per l’efficienza energetica, ha pubblicato il 20 luglio 2016 la sua terza edizione della Classifica Internazionale per l’Efficienza Energetica, modellata secondo un approccio già testato con successo dall’Associazione per stimare il livello dell’efficienza energetica degli Stati Uniti, che include 23 Paesi dalle maggiori economie mondiali, che rappresentano il 75% di tutta l'energia consumata sul pianeta e oltre l'80% del prodotto interno lordo mondiale (PIL).

"L'efficienza energetica è spesso lo strumento a più basso costo per soddisfare la nuova domanda di energia - ha affermato il Direttore esecutivo dell’ACEEE, Steven Nadel - I Governi che incoraggiano gli investimenti in efficienza energetica e attuano politiche di sostegno fanno risparmiare soldi ai cittadini, riducono la dipendenza dalle importazioni di energia, e riducono l'inquinamento. Eppure l'efficienza energetica rimane fortemente sottoutilizzata a livello globale, nonostante i suoi comprovati benefici multipli e il suo potenziale per diventare la risorsa più grande per soddisfare la crescente domanda di energia in tutto il mondo".

Il sistema di classificazione ACEEE ha utilizzato 35 indicatori (ne sono stati aggiunti 4 rispetto alla precedente edizione del 2014) sia "di politiche" che "di performance", suddivisi in 4 macro-gruppi:

- Costruzioni;

- Industria;

- Trasporti;

- Sforzi complessivi nazionali per l'efficienza energetica.

Gli indicatori "di politiche" comprendono, ad esempio, obiettivi nazionali di risparmio energetico, normative di controllo dei consumi e delle emissioni per i veicoli, criteri di efficienza energetica per gli elettrodomestici, ecc. Le metriche "di performance" misurano invece parametri quantificabili, come ad esempio l'energia consumata da un Paese in relazione al suo PIL, i consumi chilometrici medi per passeggero dei veicoli stradali, e l’energia consumata per metro quadrato di superficie negli edifici residenziali.

Su una scala di 100 punti attribuibili (25 per ogni macro-gruppo), nessun Paese ha riportato il punteggio pieno su tutte le metriche, ma se tutti hanno segnato dei miglioramenti rispetto alla passata edizione.

Ecco di seguito la classifica finale che è stata stilata e revisionata da esperti provenienti da vari Paesi:

1) Germania; 2) Italia, a pari punteggio con il Giappone; 4) Francia; 5) Regno Unito; 6) Cina; 7) Spagna; 8) Corea del Sud, a pari punteggio con gli Stati Uniti; 10) Canada; 11) Paesi Bassi; 12) Polonia; 13) Taiwan; 14) India; 15) Turchia; 16) Australia; 17) Russia; 18) Indonesia; 19) Messico; 20) Tailandia; 21) Sudafrica; 22) Brasile; 23) Arabia Saudita. L'Italia ha ottenuto un punteggio complessivo di 68.5.

Per quanto attiene all'efficienza energetica nei trasporti, con 16 punti, l'Italia si colloca al 1° posto, alla pari di India e Giappone, grazie al basso consumo di carburante delle auto (miles per gallon) e alla più bassa percorrenza europea delle auto in rapporto alla popolazione (Vehicle miles traveled ).

Nel settore industriale, secondo l'ACEEE, il nostro Paese ha dimostrato un forte impegno per l'efficienza energetica definendo obiettivi di risparmio energetico e richiedendo l'energy manager per i risultati e periodici controlli. In particolare, il sistema dei certificati di efficienza energetica (Certificati bianchi) è lo strumento chiave per raggiungere l'obiettivo di risparmio energetico del settore industriale, fissato a 5,1 Mtep. Inoltre, l'Italia è tra i Paesi con le maggiori quote di capacità di cogenerazione installata a seguito delle politiche intraprese per incoraggiare lo sviluppo della cogenerazione.

Anche le politiche intraprese nel settore delle costruzioni sono state individuate tra le migliori analizzate dalla relazione ACEEE, tra cui il programma Conto termico per incentivare le ristrutturazioni e i miglioramenti dell'efficienza energetica negli edifici residenziali e pubblici. Anche i regolamenti edilizi regionali, rendendo obbligatori i requisiti di efficienza energetica entro una certa data, concorrono alla performance.

L'area degli sforzi nazionali è la sezione dove l'Italia potrebbe migliorare le sue prestazioni. Anche se il Paese, si legge nella scheda dedicata, si impegna negli obiettivi di risparmio energetico come richiesto dalla Direttiva 2012/27/UE per ridurre il consumo di energia di 15 Mtep entro il 2020, potrebbe impegnarsi di più aumentando la spesa per programmi di efficienza energetica e R&S. Tra il 2000 e il 2013 l'intensità energetica complessiva si è ridotta solo del 9%.

graficocerchio

"Siamo orgogliosi di aver mantenuto la seconda posizione in questa terza edizione dell'ACEEE International Energy Efficiency Scorecard - ha dichiarato Mauro Mellone Ministero dello Sviluppo Economico Responsabile della Divisione Efficienza Energetica presso il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) - La 'Medaglia d'argento' che l'Italia ha vinto è un riconoscimento degli sforzi compiuti dal Paese per promuovere l'efficienza energetica e accelerare la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Questo premio è particolarmente apprezzato in quanto proviene da una valutazione indipendente sulla base di un insieme complesso di metriche 'di politiche'' e di 'performance' ".

Tratto da: regionieambiente.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pin It

Contact us

Please let us know your name.
Invalid Input
Invalid Input
Invalid Input
Please let us know your email address.
Please let us know your message.
Invalid Input
Invalid Input

Re.Pack srl

Via Antoniana, 108/A
Campodarsego (PD)
35011 - Padova
Italia

E-mail: Ova e-mail adresa je zaštićena od spambota. Potrebno je omogućiti JavaScript da je vidite.
Telefono: +39 049 9202401
Fax: +39 049 5564468

Informazioni: Ova e-mail adresa je zaštićena od spambota. Potrebno je omogućiti JavaScript da je vidite.