Terremoto, al via le procedure per la ricostruzione privata

31.03.2017

Partito il sistema per ottenere i contributi dalle banche accreditate. Tutte le fasi operative sono gestite dal professionista

Da ieri cittadini e imprese che hanno subito danni a causa del terremoto dello scorso agosto possono ottenere i finanziamenti per la ricostruzione grazie all’assistenza di professionisti abilitati che certifichino i lavori e compilino le richieste di contributo.

Il via libera della fase operativa è stato dato dal Commissario alla ricostruzione, Vasco Errani, con un comunicato nel quale è stato anche reso noto l’elenco delle banche aderenti alla Convenzione ABI-CDP “Plafond Sisma Centro Italia”, che potranno erogare i finanziamenti agevolati per la ricostruzione dei territori colpiti dagli eventi sismici in attuazione del DL 189/2016.

Attualmente la procedura riguarda i danni lievi ad abitazioni e strutture non residenziali e i danni gravi a strutture non residenziali. È in via di definizione l’Ordinanza relativa ai danni gravi alle abitazioni.

Ricostruzione privata: il procedimento

Per avviare il procedimento, un rappresentante della proprietà dell’immobile danneggiato, tramite un professionista abilitato, deve presentare un’istanza all’Ufficio Speciale per la ricostruzione e contestualmente al Comune dove è situato l’immobile, asseverando il nesso di causalità del danno con il terremoto.

Con tale istanza viene richiesto un contributo economico per lo svolgimento dei lavori e contestualmente (se non ne è ancora stata data notizia al Comune) viene comunicato l’avvio delle attività di cantiere (Cila o Scia).

A detta istanza l’Ufficio Speciale risponde con una ordinanza attraverso la quale assegna (o diniega) il contributo richiesto e ne dà comunicazione agli istituti di credito. All’avanzare dei lavori (SAL) o al loro completamento, poi, sempre su istanza di parte, l’Ufficio Speciale potrà dare ordine agli Istituti di Credito di effettuare i pagamenti dei contributi assegnati ai soggetti che ne hanno diritto.

Ricostruzione post sisma: il ruolo del professionista

Le richieste di contributo possono essere compilate dai professionisti abilitati (iscritti ai relativi albi professionali e all’Elenco Speciale) dotati di strumento per la firma digitale tramite la piattaforma MUDE, il sito realizzato dalla Regione Piemonte, già utilizzato per la ricostruzione in Emilia Romagna.

Il professionista dovrà gestire tutte le fasi della pratica, dall’inizio della procedura fino alla sua conclusione. Per agevolare il compito dei tecnici, il Commissario per la ricostruzione ha pubblicato due vademecum: ‘Documento operativo sulla Istruttoria, Controlli e Pagamenti’ e ‘Vademecum all’utilizzo del Mude’.

Ricostruzione: elenco delle banche che erogano contributi

Attualmente le banche aderenti alla Convenzione ABI-CDP per la ricostruzione sono 11. L’elenco, infatti, verrà periodicamente aggiornato man mano che aderiranno nuove banche.

Tratto da Edilportale.com © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pin It

Contact us

Please let us know your name.
Invalid Input
Invalid Input
Invalid Input
Please let us know your email address.
Please let us know your message.
Invalid Input
Invalid Input

Re.Pack srl

Via Antoniana, 108/A
Campodarsego (PD)
35011 - Padova
Italia

E-mail: Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser.
Telefono: +39 049 9202401
Fax: +39 049 5564468

Informazioni: Cette adresse e-mail est protégée contre les robots spammeurs. Vous devez activer le JavaScript pour la visualiser.